mercoledì 6 dicembre 2017



SVALBARD

Viaggio SCIALPINISTICO nella regione di Atomfjella

Periodo 16 - 22 Aprile

Sette giorni di tour nella zona più emozionante e interessante della parte settentrionale delle Spitsbergen. Atomfjella è un massiccio montuoso caratterizzato da centinaia di pendii scoscesi e da cime fantastiche, tra cui molte conosciute solo sulla cartina ma mai scalate. Siccome l' altezza di queste montagne è tra i 1400 e i 1700 metri, il dislivello di salita e' di circa 1000/1200 m. Il primo e l' ultimo giorno sono utilizzati per il trasferimento in motoslitta, un tragitto di circa 360 km a/r. Nei 6 giorni successivi saliremo qualche cima, tra cui il Perriertoppen (1717 m.) e scopriremo questo spettacolare labirinto di montagne. A mio parere uno dei posti più belli e poco frequentati nel mondo per fare scialpinismo.


 Per tutte le 7 notti si dorme nello stesso posto partendo per gite giornaliere e ritornando poi alla sera. Volendo si potrà anche cambiare il luogo del campo per raggiungere ulteriori cime in altre zone del massiccio montuoso degli Atomfjella. Bisogna essere allenati, essere bravi a sciare e preferibilmente avere già esperienza di scialpinismo invernale. 


Programma giorno per giorno:

1 giorno: trasporto dal luogo di pernottamento a Longyearbyen alla base di partenza. Informazioni sul tour, consegna dell' abbigliamento e istruzioni per la guida della motoslitta. Ultimi preparativi dei bagagli sulle slitte. Partiamo non appena siamo pronti e ci avviamo in direzione est attraversando la Adventdalen e la Sassendalen. In questa zona si incontrano spesso gruppi di renne. Nella tarda mattinata avvicinamento al Tempelfjorden e, prima di cominciarne la traversata su mare ghiacciato, ci fermiamo a Fredheim, l' antica stazione di caccia di Hilmar Nøis. Attraversiamo quindi il fiordo e percorriamo le valli e i ghiacciai della Bünsowland. In fondo alla valle di Gipsdalen mangiamo un piatto caldo. Si continua su per il Lomonosovfonna e si percorre il ghiacciaio in direzione nord. Dopo 50 chilometri passiamo vicini alle montagne della zona del Newtontoppen. Nel tardo pomeriggio si arriva al ghiacciaio del Gallerbreen, proprio nella zona degli Atomfjella. Scarichiamo i nostri bagagli dalle slitte e montiamo il campo con l'allarme anti-orso. Le motoslitte vengono riportate da chi ci ha accompagnato subito a Longyearbyen e torneranno a prenderci dopo 6 giorni. Cena in tendone riscaldato e pernottamento in tende/jurte.
2-6 giorno: colazione e preparativi dei tours. Le possibilità' di salite sono molte e varie, saliremo sulle vette più adatte a noi. Ci si porta dietro solo uno zaino leggero con lo stretto necessario per un tour in giornata e si pranza sempre con un piatto caldo durante il percorso. La scelta dei tours viene presa dai partecipanti insieme alla Guida, sulla base delle condizioni del tempo, della neve e dell'esperienza dei partecipanti. Una delle nostre vette preferite è il Perriertoppen (la cima più alta degli Atomfjella) oltre che tante altre cime sui 1400-1500 m. La zona è così ampia e varia che diverse settimane non basterebbero. Di sera si cena sempre in tendone riscaldato. C'è la possibilità di far asciugare i vestiti e le scarpe. Pernottamento in jurte 4 posti con stufetta. 




7 giorno: colazione e chiusura del campo. Si pranza all' aperto con un piatto caldo. Nel primo pomeriggio vengono a prenderci le motoslitte da Longyearbyen portandoci anche l' abbigliamento necessario. Carichiamo le slitte e ci mettiamo in moto per il ritorno attraverso la Lomonosovfonna e la Bünsowland e la zona orientale di Nordenskiöldland. Si fa sosta lungo il percorso sia per riposarsi sia per far benzina. L' arrivo a Longyearbyen e' attorno alle ore 20. Riconsegna dell'attrezzatura e dell'abbigliamento da motoslitta. I partecipanti verranno accompagnati al loro luogo di pernottamento in citta'.


Incluso nel prezzo: pernottamenti in tende/jurte, assicurazione recupero di emergenza, equipaggiamento per il tour e per il campo, pensione completa, equipaggiamento di sicurezza, esperta Guida, trasporti come descritti da programma (motoslitta, barca e macchina).
Non inclusi nel prezzo: materassino, sacco a pelo invernale, viaggio aereo, pasti, cene e pernottamento a Longyearbyen, bibite, acqua minerale e assicurazione personale.

Costo a persona: € 3.050

Info dirette: Pascal 0039 3355470126








SVALBARD


BACKCOUNTRY  in the region of Atomfjella

Period 16 - 22 April


This is a seven day trip in to the most exciting area of the north part of Spitsbergen. The Atomfjella is an area with mountains with hundreds of steep mountainsides and fabulous peaks. Most of them known only from the maps, not yet climbed. Since all mountains in this area are from 1400 to 1700 meters high most routes on this trip will have a differences in altitude, around 1000/ 1200 meters. The first and last day of the trip will be spend on transportation by snowmobile to and from Longyearbyen, approximately 180 kilometres one way. The rest of the time, six days, we will spend exploring this spectacular mountain area, climbing some of the peaks; among them mount Perrier (1717 meters over sea level). We will have a base camp for all the seven nights we spend in big warmed tent, and every day we will do daytrips starting off from the base camp. If we wish we can move the camp to reach more peaks more easily. To participate in this trip you have to be in very good physical condition, as well as a good skier and you should be experienced in outdoor winter activities. In my opinion one of the most fantastic country on the planet to do backcountry ski with nobody else around. 


Day by day program:

Day 1: pick up at your hotel in Longyearbyen. Briefing about the trip and transportation by snowmobile, last preparations and packing of snowmobiles and sledges before dressing up for the snowmobile trip. We start as soon as we are ready, and drive eastwards, through Adventdalen and Sassendalen. If we are lucky we will spot Svalbard Reindeer in this area, late afternoon we will reach Tempelfjord and before crossing the fjord ice we will make a stop at Fredheim, an old trapper’s station. After crossing the fjord we will drive through valleys and glaciers over to Bünsowland. We will have a warm lunch in the bottom of Gipsdalen before driving up Lomonosovfonna and drive north over the glacier. After app. 50 kilometres we will se the Newton area, and we will eventually stop by Gallerbreen, in the Atomfjella area. Here we unpack the snowmobiles and set our first camp. The snowmobiles will return to Longyearbyen the same day, and then pick us up again after 6 days. Dinner in a big warmed tent and sleeping in tents/jurt 4 places with stove..

Day 2- day 6: breakfast and preparations for the trips. We will choose witch peaks to climb from an enormous and varied choice in the area. We will pack our small rucksacks for the day, and we always bring warm lunch. The routes will be decided by the participants and the guide together, depending on weather and snow conditions as well as the participants’ condition. On this trip we usually climb the top of mount Perrier (the highest in Atomfjella) and many other mountains around 1400-1500 meters. At night we will have dinner in the basecamp in a big warmed tent, and it is possible to dry clothes and shoes. 
We spend the night in small jurts..
Day 7: Breakfast and clearing the camp area. We will have a warm lunch outdoors and early afternoon the snowmobiles will arrive from Longyearbyen to pick us up. We dress up for driving, pack our things on the sledges and start the ride back to Longyearbyen. We will make breaks on the way. Estimated arrival back in Longyearbyen is 20.00. After unpacking the sledges we will bring you to your hotel in Longyearbyen.







Included in the price: overnights in tent/jurts with stove, pulk, rescue insurance, camping equipment, full board, experienced Guide, emergency/safety equipment, transportation as described in program (by snowmobile, car, boat).
Not included in the price: warm sleeping bag, mattress, flights, meals and overnight in Longyearbyen, beverages, mineral water, personal travel insurance.

Price per person: € 3.050,00=

Direct informations Pascal 0039 3355470126





sabato 17 dicembre 2016

Trummelbach IV - The connection


TRUMMELBACH IV

THE CONNECTION IS DONE  14-12-2016  !!


Holzi the organiser, Franz Baumgartner, Sven Scharer and Pascal van Duin

have done this connection section of Trummelbach between TR 3 and TR 5 "the classic".

It's not the "Las Puerta del Infierno" as our Spanish friends like to call the swiss cold technical canyons.


It's a canyon not too complicated in the conditions we found, only big problem is the risk of rock and ice falling from above, almost everywhere, but mostly under the serac of the Giesengletcher; you have above your head big and steep mountains, rock walls up to 2.400 meters high, so everything can naturally fall down thanks to the gravity force.


The canyon is deep in his best sections; it is big everywhere and the view above is always too big for small men like us; the light is little down there, even in a perfect sunshine day you feel like it's a cloudy day.


Holzi wrote that now it's one of the highest, or the highest elevation for a canyon in Europe, if you connect all the valley from TR 1 to TR 5 : 


Total Altitude difference 1855 m / distance 6.4km




On the approach we used the exit ropes of Trummelbach 3, not much snow but ice yes !

First rappel

Immediately beautiful

Very icy here, there is an icefall above so all the water coming down is freezing all around

A bit slippery


Tricky move to avoid the bath...

Partly iced and partly clean

Many good sights

And some swimmers too !

Top slot here ! 28 meters for the 2 highest drops of this section.

Exiting the first big narrow section

We reach the big snow-icefield deposit

We go under a first short section

One rappel to set

Now another 100 meters under the ice tunnel, very nice

At the exit something has collapsed

After the snowfield 

Some walking sections under huge walls of more than 2.000 meters

Slides and jumps

Drilling for the next fall, again a nice canyon

Holzi first

Sven following

Some more falls

I climbed up here to disengage a stuck rope and took pictures

Nice panorama here, we are small

We reach another section, a real beauty

Dropping in

A view from the other side of the same drop

Smiling in this nice toboggan

Lovely fall

Some short swims
The wood bridge at the end of our exploration

Arriving at the bridge, the end. Getting here from this side is a special feeling as usually we started here to enter the Trummelbach classic section that is now known as "5" of this long valley.


mercoledì 9 settembre 2015

Valle dei Vitelli - The 12 Magic Arches




Valle dei Vitelli    09/09/2015

The 12 Magic Arches

Qualche volta sono stato fortunato, oggi ancora una volta.
Riassunto: in questo canyon ci sono 12 archi naturali, 12 calate. Quota di partenza 2.450 metri, uscita 1980 metri, per una differenza di 470 m di dislivello, lunghezza 1600 metri

Sometimes, many times, i've been lucky, today one more time.
In a few words: in this canyon there are 12 arches, 12 rappels. Altitude of entrance is 2.450, elevation loss 470 meters, 1 mile length.



From the access trail - Dal sentiero di accesso, la valle è sulla sinistra.
 

Lago del Mot

 

La valle a monte con il ghiacciaio, la cima in fondo a destra è il Monte Cristallo di 3427 metri. The upper valley with the glacier, the summit on the right is Monte Cristallo.

 

L'ingresso del canyon. A monte e sotto il ghiacciaio si trova depositata una grande quantità di ghiaia e sassi. Canyon entrance, on the mountain and glacier behind there is a lot of gravels.

 

No water is flowing, it's late in the season, the narrow is immediately "narrow" and nicely carved, first drop. Non c'è scorrimento, è troppo tardi nella stagione, subito il canyon è stretto e ben modellato, prima calata.



I find an arch, cool. Trovo subito un arco naturale.
 

It's really narrow, you have to crawl caving style, on the side, up and down. Veramente stretto, molto speleologico, bisogna strisciare di lato, salire e scendere, anche senza zaino.

 

Continua sempre stretto e buio, è difficile fare le foto. 
It goes narrow and dark, not easy to take pictures.

 

I'm starting to believe it's a great canyon, like a Segnes canyon but with no water. Comincio a credere che sia un canyon  eccezionale, la tipologia del Segnes, ma senza scorrimento.

 

Sempre bello ma difficile muoversi qui dentro con 2 zaini. 
Nice but hard to move with 2 bags !


I didn't find anybody to come along today so i'm carrying 2 bags. Oggi non ho trovato nessuno per aiutarmi, mi tocca portare 2 sacche: corda+bidone e trapano+chiodi...
Complex geology, really outstanding. Una geologia complessa, veramente speciale. 

 

Another arch. There is similar rock in italian canyons only in the Trafoi, but almost no arches there. Un altro arco. C'è roccia simile in italia solo nel canyon di Trafoi, però praticamente senza archi di roccia.

 

Another arch in an open short section. Un altro arco in una breve sezione aperta.



It goes deep again. Si va di nuovo giù dentro.



Again narrow and shaped. Ancora stretto e molto lisciato.


Tratto aperto. Open section.


The 4 boulders. I 4 blocchi sospesi.

 

Another arch ? ok. Ancora un arco, ok prendo nota, non finiscono più.




An arch ? Un arco ? Again...


 

Keeps going narrow. Continua stretto.

 

AMAZING

 

I'm making pictures everywhere but it's difficult to show all the view.
 Prendo foto ovunque ma è difficile inquadrare l'insieme.


 

A little release. Un attimo di pausa.

 

A beautiful drop inside an..arch, 12 meters. Un bella calata dentro un ... arco.


Carvings from the bottom. Sculture di roccia, dal basso.




An arch...un arco....


I'm worried, how much of this beauty can i hold ? Mi preoccupa, quanta di questa bellezza posso sopportare ?


Beautiful double drop. Bella calata in sequenza.


With some water flowing this is a 4 star canyon, maximum rating ! Con un pò di scorrimento
questo è un canyon 4 stelle, il massimo !



Alla base della cascata un altro arco. Bottom of the fall, another arch.


Another... Un altro...



The bolt in this fall is 5 meter high. Il chiodo di calata si trova 5 metri in alto.
Avrei dovuto fare più video durante la discesa.




From the bottom. Da sotto.

 

After an easy section i found this one. Dopo un tratto aperto trovo questo.



It's the kind of arch you are dreaming of ! Quello che sognamo tutti, l'arco di roccia perfetto !




The view from top, with this i can be happy and fulfilled for a very long time. La vista dall'alto, con questa posso sentirmi felice e appagato per lungo tempo.



Rappelling from the arch. Calata dall'arco.



Questo arco è stato fatto apposta dall'acqua per calarsi. 
This arch was made by water just to use as an anchor.


More good stuff. Ancora belle forme.


 

Calata in sequenza. Multiple drop rappel.



I reach an open section. Arrivo in una zona aperta. 


Il guardiano del canyon, che animale è ? Wich animal is it ? it looks like the canyon guardian.





This part looks not nice at all. Qui inizia una parte brutta.


There is a junction of 2 different layers of rock and almost no nice shapes. Qui c'è il punto di contatto netto tra due tipologie diverse di roccia e non ci sono più belle erosioni.


Questa parte continua per circa 500 metri, circa 1/3 del canyon. This section is long 1/3rd of the canyon.


But further down there are again very nice drops, carvings and rappels, and there is also some water flowing. Più avanti ci sono di nuovo belle cascate, modellate, inoltre inizia ad esserci scorrimento di acqua.



Non manca molto alla fine ma ci sono parecchie calate da predisporre.
Not far from the end, but still some rappels to organise.


I'm not very good in self-portrait. Non sono molto portato per gli autoritratti.






The canyon is again giving some great shapes. Il canyon regala ancora belle forme verso la fine.


Clear water. Acqua limpida.


Ultima foto prima del finale, dopo ho dimenticato di scattare. Si esce direttamente sulla Statale dello Stelvio. Last pic before the end, after i forgot to shoot, you will exit right on the Stelvio road.



Doing a trip alone is like doing two trips. One is the canyon easy and natural with in addition the excitement of discovery, facing the technical problems. 
The other One is the psychological situation to face, alone in the nature, answering your own questions with no partner to share the emotions, its very intense and rewarding.



Info:
This canyon has now 12 anchors, with flowing water you may need like 10 more to safely go through.
Ci sono attualmente 12 ancoraggi nel canyon, per una discesa sicura e con acqua che scorre ne sono necessari almeno altri 10 per scendere in sicurezza. Inoltre, sarebbe opportuno raddoppiare e migliorare quelli presenti.

BUON DIVERTIMENTO !!!!